Questo articolo è stato letto 10 volte

Toscana: Circolare di recepimento della Direttiva Bolkenstein

Con d.g.r. n. 638 del 05 luglio 2010, la Regione Toscana ha emanato la Circolare relativa agli effetti sul sistema normativo regionale del recepimento della Direttiva Bolkenstein. La Regione Toscana con l.r. n. 28/2005, – Codice del commercio, aveva dato vita ad una disciplina regionale in luogo dei previgenti provvedimenti statali in materia di commercio e somministrazione (d.lgs. n.114/98 e l. n. 287/91), ora, con il presente atto ha inteso verificare se e quali parti della normativa vigente in Toscana siano in contrasto con la direttiva 2006/123/CE e pertanto vadano disapplicate, ai sensi dell’art. 84 del d.lgs. 59/2010 e, successivamente modificate.
Viceversa, le norme regionali che non appaiano in contrasto con la suddetta direttiva rimangono applicabili anche in assenza o in attesa di un formale adeguamento alla medesima.
La l.r. 28/2005 ha introdotto nella materia del commercio una notevole semplificazione amministrativa, prevedendo un ampio ricorso alla dichiarazione di inizio di attività ad efficacia immediata. Rispetto ai regimi abilitativi previsti dal d.lgs. n. 59/2010, pertanto, in alcuni casi la normativa regionale toscana prevede procedimenti più semplificati. In tali casi, si ritiene che non sussista un obbligo di adeguamento, da parte della Regione, al d.lgs. n. 59/2010, in quanto il mantenimento del regime abilitativo più semplificato trova la sua giustificazione nell’art. 5, comma 1 (Semplificazione delle procedure) della Direttiva 2006/123/CE. Si continua pertanto con la D.i.a. a efficacia immediata per apertura, subingresso, trasferimento di sede degli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande; sempre ad efficacia immediata è la D.i .a. per gli esercizi di vicinato in caso di apertura, subingresso, trasferimento di sede, ampliamento della superficie e cambiamento del settore merceologico. D.i.a. a efficacia immediata anche per il commercio al dettaglio su aree pubbliche in forma itinerante anche se, l’art. 70 del d. lgs. n. 59/2010 prevede l’autorizzazione.

Deliberazione della Giunta Regionale Toscana 5/7/2010 n. 638 Circolare in ordine agli effetti delle disposizioni di cui alla direttiva 2006/123/CE del 12/12/2006, relativa ai servizi del mercato interno e al D.Lgs. 26/03/2010 n. 59 recante “Attuazione della direttiva 2006/123/CE relativa ai servizi del mercato interno” sulle disposizioni di cui alla L.R. n. 28 del 7/2/2005 Codice del commercio

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>