Questo articolo è stato letto 88 volte

I confini fra le forme di accesso agli atti

Articolo di Domenico Trombino

Di là dalle definizioni, la differenza fra le varie forme di accesso agli atti è tracciata dall’interesse sotteso alle istanze, ciò che la rende fluttuante nelle diverse fattispecie concrete.

La giurisprudenza produce tanto e continuamente sul tema.

E’ interessante, fra i più recenti pronunciamenti, la sentenza del T.A.R. Campania, Napoli, Sez. VI, 25/02/2020, n. 857, che muove dall’assunto in base al quale “all’esito di una istanza di accesso generalizzato, il cittadino può ottenere la documentazione, i dati e le informazioni che gli fanno comprendere la scelta amministrativa effettuata e che rappresentano la decisione dell’Amministrazione, con la conseguenza che in linea di massima con l’accesso generalizzato si potrà avere una documentazione che consente una conoscenza meno “profonda” rispetto all’accesso documentale, ma più estesa a tutta l’attività amministrativa e alle decisioni sulla spesa pubblica”.

Il Decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33, in epigrafe Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni, c.d. decreto trasparenza, come rititolato dal decreto legislativo 25 maggio 2016, n. 97, è stato da ultimo oggetto di un processo di revisione notevole, ad opera di quest’ultimo, recante in epigrafe Revisione e semplificazione delle disposizioni in materia di prevenzione della corruzione, pubblicità e trasparenza, correttivo della legge 6 novembre 2012, n. 190 e del decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33, ai sensi dell’articolo 7 della legge 7 agosto 2015, n. 124, in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche, in attuazione della Legge 7 agosto 2015, n. 124, in epigrafe Deleghe al Governo in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche, c.d. Legge Madia, teso ad adeguare l’ordinamento giuridico italiano al modello c.d. FOIA (Freedom of Information Act), adottato nella gran parte delle democrazie liberali.

 

Continua a leggere l’APPROFONDIMENTO

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *