IL CASO – spettacolo viaggiante – concessione – durata

Il titolare di autorizzazione per esercizio dello spettacolo viaggiante con attrazioni (giostre ubicate in una Piazza) a cui è stata rilasciata una concessione di suolo pubblico (scadenza 2023) è intenzionato a vendere o affittare l’attività. Si chiede la procedura da adottare. In particolare si chiede, altresì, se alla scadenza della concessione di suolo pubblico l’ente dovrà predisporre apposito bando in virtù del principio sancito dalla Direttiva Bolkestein.

» Risposta

L’azienda, di cui fa parte anche la concessione di suolo con scadenza 2023, può essere ceduta assieme ai rimanenti beni che la compongono, quindi autorizzazione, attrazione, ecc. attraverso un contratto redatto o autenticato dal notaio, come indicato dall’articolo 2556 del codice civile, quindi si potrà procedere al rilascio di una nuova licenza al subentrante non prima che questo abbia ottenuto la voltura del codice identificativo dell’attrazione. Dal momento che le concessioni di suolo pubblico  non dovrebbero essere rilasciata per lunghi  periodi di tempo e tali da far assumere la caratteristica di spettacolo viaggiante stabile. Nell’ipotesi che questa postazione sia stata individuata dal regolamento comunale come da utilizzare  mediante spettacolo viaggiante in postazione fissa ( si consiglia di verificare con ufficio urbanistica del comune se questo comporta necessità di titoli edilizi), questa dovrebbe a ns parere essere messa a bando.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.