Questo articolo è stato letto 571 volte

Il (non)procedimento per il rinnovo delle concessioni di posteggio per l’esercizio del commercio su aree pubbliche

Articolo di Domenico Trombino

mercato5

E’ curiosa, ma coerente con ciò che va a introdurre, l’assenza di richiami alla legge  7 agosto 1990, n. 241, nel decreto del Ministro dello Sviluppo Economico del 25 novembre 2020, avente ad oggetto il rinnovo delle concessioni di posteggio per l’esercizio del commercio su aree pubbliche.

Un apprezzato pudore da parte di chi è evidentemente consapevole di quanto fuori sia il rinnovo automatico e atti successivi ivi disciplinati… ops, meglio… previsti, anzi, ancor meglio, raccomandati dal paradigma tracciato e, questo sì, disciplinato dalle Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi.

Un pudore che si legge nell’incipit dell’Allegato A ove è chiaramente detto che “le presenti linee guida costituiscono indicazioni ai fini della disciplina dei procedimenti di rinnovo o di attribuzione delle concessioni per l’esercizio del commercio su aree pubbliche, aventi scadenza entro il 31 dicembre 2020”, rituale in fatto di linee guida, ma che per un provvedimento adottato soltanto un mese prima, più che rispetto degli ambiti di competenza, ergo, espressione di “leale” collaborazione, nei confronti, in particolare, delle Regioni, alle quali spetta la determinazione delle modalità con cui si realizza detto rinnovo, ha il sapore di un … fate vobis che, più di altri, se non esclusivamente, pagheranno i Comuni, chiamati ad avviare d’ufficio il … “procedimento”.

 

Continua la lettura dell’ARTICOLO

 

PER APPROFONDIRE

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>