Manifestazione di pubblico spettacolo all’aperto

In caso di manifestazione temporanea musicale con una capienza prevista entro le 400 persone occorre convocare la commissione di vigilanza?

1 Marzo 2023
Scarica PDF Stampa
Modifica zoom
100%
In caso di manifestazione temporanea musicale con dj, in una piazza all’aperto priva di arredi per lo stazionamento del pubblico, con una capienza prevista entro le 400 persone, con palco alto meno di 80 cm e impianti e strumentazione sonori non accessibili al pubblico, occorre convocare la commissione di vigilanza? 

Le manifestazioni di pubblico spettacolo che si svolgono in luoghi e spazi all’aperto accessibili a chiunque quali piazze e aree urbane, non delimitati, sono sottoposte alle procedure previste dal Titolo IX del D.M. n. 149 del 19/08/1996 (Nota M.I. prot. n. P529/409 sott. 44/B del 27/03/2003).

In particolare è necessario che:

a) non vengano allestite strutture specificatamente destinate allo stazionamento del pubblico per assistere allo spettacolo (tribune, sedie, transenne);

b) venga allestito un palco o pedana per artisti;

c) le attrezzature elettriche, comprese quelle di amplificazione sonora, vengano installate in aree non accessibili al pubblico.

Pertanto ai fini del rilascio dell’autorizzazione di pubblico spettacolo non è necessario richiedere il parere della Commissione di Vigilanza sui Locali di pubblico Spettacolo, ma dovrà essere presentata istanza al SUAP – dopo aver ottenuto concessione suolo pubblico e nullaosta per l’impatto acustico – corredata dai seguenti documenti:

a) relazione tecnica e planimetria (in originale) redatta ai sensi del Titolo IX del DM 19/08/1996 da tecnico abilitato;

b) parere della Sovrintendenza (qualora l’area sia sottoposta a vincolo dei Beni Culturali e paesaggistici);

c) permesso spettacoli e trattenimenti e/o quietanza di pagamento dei diritti di autore, da effettuarsi presso la SIAE;

d) quietanza relativa al pagamento dei diritti di istruttoria nella misura prevista da effettuarsi con le modalità richieste dal Comune stesso.

Prima del rilascio dell’autorizzazione di pubblico spettacolo dovrà essere prodotta:

a) certificazione dell’idoneità statica delle strutture allestite a firma di tecnico abilitato;

b) dichiarazione d’esecuzione a regola d’arte degli impianti elettrici installati a firma di tecnico abilitato;

c) dichiarazione concernente l’approntamento e l’idoneità dei mezzi antincendio.

Al momento del ritiro dell’autorizzazione dovrà essere apposta sulla stessa la marca da bollo di Euro 16,00.

Si rammenta, infine, che l’Organizzatore di pubbliche manifestazioni sottoposte a regime autorizzatorio da parte del Comune deve sempre preavvisare il Questore come previsto dagli artt. 18 e 25 del TULPS (Modulo reperibile sul sito della Questura).

Occorre indicare sempre se la manifestazione è o non è soggetta a parere della CCV o CPV e allegare allo stesso una relazione descrittiva dell’evento con le indicazioni delle misure che si intende adottare e una planimetria dell’area interessata dall’evento.

TI CONSIGLIAMO

Impianti sportivi, competizioni ed eventi

Il volume esamina e commenta in modo specialistico le varie normative di sicurezza per la costruzione ed esercizio di impianti sportivi, non limitandosi ad esaminare l’uso tradizionale per attività sportive ma approfondendo anche gli aspetti legati all’utilizzo per il pubblico spettacolo. In modo correlato vengono illustrate le attività svolte da associazioni sportive ed enti vari nell’organizzazione di tornei di varia natura e gli adempimenti necessari per garantire la sicurezza di questi eventi, in particolare la verifica di incolumità prevista dal TULPS. Nel volume trovano ampio spazio anche l’esame degli eventi che si svolgono nelle palestre e piscine e delle gare su strada, commentando gli obblighi di sicurezza da garantire e le particolarità in relazione ai soggetti organizzatori (società sportive, associazioni, enti no profit, privati) ed alle diverse regolamentazioni. L’opera si rivolge a tutti gli addetti ai lavori degli enti locali, delle associazioni ed ai professionisti consulenti a vario titolo coinvolti e costituisce un’indispensabile guida al settore, che fornisce un quadro chiaro e completo di questa variegata disciplina, nonché un compendio esaustivo di tutte le necessarie procedure, gli adempimenti amministrativi, le attività di verifica e di controllo. Saverio LinguantiLibero professionista consulente giuridico-legale; è specialista di diritto amministrativo, docente di Legislazione di Sicurezza presso la Scuola Ispettori della Guardia di Finanza di L’Aquila e docente a c. di Legislazione professionale presso l’Università degli Studi di Pisa.Paolo NegriniComandante di Polizia Locale; è specializzato in Economia e Diritto dell’Amministrazione pubblica, esperto di organizzazione, già dirigente del SUAP/Attività produttive di comune capoluogo di provincia e vice segretario comunale.

Saverio Linguanti, Paolo Negrini | 2023 Maggioli Editore