Questo articolo è stato letto 38 volte

TAR Veneto: annullamento dell’illegittimo diniego con effetto "ex tunc"

Con la sentenza n. 1799 del 18 giugno 2008 il Tar Veneto afferma che tutta la disciplina prevista dall’articolo 20 della legge 241/1990 e i regolamenti attuativi (dpr n.300 e n.407) vanno riconsiderati alla luce delle modifiche alla disciplina introdotte dalla legge n.80/2005.
Di conseguenza, annullato l’illegittimo diniego da parte del comune, e rimossi “ex tunc” i suoi effetti, il Comune aveva perduto il potere di sostituire il precedente diniego con un nuovo diniego, e ciò perché, una volta rimosso l’atto illegittimo con effetti “ex tunc”, acquistava immediata forza espansiva l’effetto del tempo trascorso (circa 180 giorni tra la presentazione della istanza e l’adozione del diniego senza che fosse stato emesso alcun provvedimento negativo), facendo così maturare i presupposti per la formazione del silenzio – assenso in base a quanto dispone l’art. 20 della l. n. 241/90.
Nella fattispecie si trattava della richiesta di una autorizzazione per la somministrazione di alimenti e bevande il cui diniego era stato motivato dall’inesistenza di contingenti liberi.

>> TAR Veneto sez.III 18/6/2008 n. 1799
Autorizzazione per la somministrazione di alimenti e bevande – annullamento dell’illegittimo diniego con effetto "ex tunc" – formazione del silenzio – assenso

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *