Questo articolo è stato letto 3 volte

Attività ricettive: per il Ministero occorre autorizzazione espressa

Il Ministero dell’Interno, con nota del 2 agosto 2011, ha precisato, rispondendo ad un quesito avanzato dalla prefettura di Ferrara, che il nuovo decreto legislativo 23 maggio 2011, n. 79 che sottopone l’avvio e l’esercizio delle strutture turistico-ricettive a SCIA debba essere ricondotto “nell’alveo normativo delle leggi di pubblica sicurezza”.

Per il Ministero infatti sostiene che tutte le attività soggette ad autorizzazione di polizia che potevano essere intraprese su Denuncia inizio attività, ora con la SCIA devono concludersi “mediante l’adozione di un provvedimento espresso da parte della competente autorità di pubblica sicurezza (lascio ai lettori il commento).

Il ministero informa comunque che della problematica inerente l’applicazione della SCIA ha interessato l’ufficio Studi; speriamo che quest’ultimo sia più lungimirante.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>