Questo articolo è stato letto 9 volte

Cessione di fabbricato: la registrazione del contratto assorbe la comunicazione all’autorità di P.S.

Il decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23, recante disposizioni in materia di federalismo fiscale, all’art.3, nell’introdurre la cosiddetta “cedolare secca sugli affitti”, al comma 3 ha stabilito che: “Fermi gli obblighi di presentazione della dichiarazione dei redditi, la registrazione del contratto di locazione assorbe gli ulteriori obblighi di comunicazione, incluso l’obbligo previsto dall’articolo 12 del decreto-legge 21 marzo 1978, n. 59, convertito, con modificazioni, dalla legge 18 maggio 1978, n. 191. Nei casi di omessa richiesta di registrazione del contratto di locazione si applica l’articolo 69 del citato testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica n. 131 del 1986.”

Il decreto legge 13 maggio 2011, n. 70, all’art.5 ha poi disposto al comma 1, lettera d) che “la registrazione dei contratti di compravendita immobiliare assorbe l’obbligo di comunicazione all’autorità locale di pubblica sicurezza”.

Trattasi in entrambi i casi della comunicazione prevista dall’art.12 del D.L. n. 59/1978, convertito con modificazioni i legge n. 191/1978 che al comma 1 dispone “Chiunque cede la proprietà o il godimento o a qualunque altro titolo consente, per un tempo superiore a un mese, l’uso esclusivo di un fabbricato o di parte di esso ha l’obbligo di comunicare all’autorità locale di pubblica sicurezza, entro quarantotto ore dalla consegna dell’immobile, la sua esatta ubicazione, nonché le generalità dell’acquirente, del conduttore o della persona che assume la disponibilità del bene e gli estremi del documento di identità o di riconoscimento, che deve essere richiesto all’interessato”. L’omessa comunicazione comporta una sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 103 a euro 1.549, applicata dal sindaco e cui proventi sono devoluti al comune.

Alla luce di queste due novità, il ministero dell’Interno con circolare n. 557/LEG/010.418.6 del 31 maggio 2011 ha precisato che:

• a decorrere dal 7 aprile, data di entrata in vigore del d.lgs. n. 23/2011, per i contratti di locazione registrati,

• a decorrere dal 14 aprile, data di entrata in vigore del d.l. n. 70/2011, per i contratti di vendita di immobili registrati,

non trova più applicazione la sanzione amministrativa prevista per violazione del citato art.12. Nella circolare il Ministero ricorda però che, come indicato nell’art. 3, comma 6, del D.L. n. 23/2001, questa agevolazione non si applicano alle locazioni di unità immobiliari ad uso abitativo effettuate nell’esercizio di una attività d’impresa, o di arti e professioni.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>