Questo articolo è stato letto 189 volte

Conferenza di servizi: controllo di regolarità formale, sintesi e note giurisprudenziali

Articolo di Domenico Trombino

Overhead view of 3d cartoon characters holding a business meeting seated around a round table

Prima di concludere la disamina sulle novità della conferenza di servizi, introdotte dal D.Lgs. 127/2016, è opportuno chiarire alcuni dubbi che stanno emergendo nella pratica degli uffici: da dove parte l’amministrazione procedente, dall’art. 7, comma 1, del DPR 160/2010, oppure dall’art. 14-bis, comma 2, della legge 241/90? Il termine di riferimento da assumere sono i trenta giorni entro i quali il SUAP, al quale sono presentate le istanze, può richiedere all’interessato la documentazione integrativa, oppure i quindici giorni (oltre i cinque giorni per l’indizione della conferenza) entro i quali le amministrazioni coinvolte possono richiedere, ai sensi dell’art. 2, comma 7, integrazioni documentali o chiarimenti relativi a fatti, stati o qualità non attestabili in documenti già in possesso dell’amministrazione stessa o non direttamente acquisibili presso altre pubbliche amministrazioni?

>> Continua a leggere l’articolo

 

PER APPROFONDIRE LA REDAZIONE CONSIGLIA

 

linguanti

NUOVA SCIA, 
SILENZIO ASSENSO 
E CONFERENZA DI SERVIZI

di  Saverio Linguanti

Guida all’utilizzo della SCIA  nelle attività economiche, nei procedimenti 
di polizia amministrativa e nell’edilizia

Contiene elenco dei regimi amministrativi applicabili alle attività economiche

acquistaora

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>