Questo articolo è stato letto 334 volte

IL CASO – ingrosso – deposito – destinazione d’uso

friggitoria

Un artigiano con attività di friggitoria da asporto intenderebbe effettuare la vendita dei propri prodotti artigianali al domicilio del consumatore con ordini telefonici e pagamento alla consegna. All’interno dei locali di produzione è stata anche avviata un’attività secondaria di commercio al dettaglio di vicinato per vendita di bibite. Si chiede se tale figura artigianale possa effettuare la vendita al domicilio della clientela oltrechè delle bibite anche dei prodotti di propria produzione (prodotti di friggitoria) e quali siano le eventuali giuste procedure autorizzatorie.

 

Vuoi conoscere la risposta dei nostri esperti? Continua a leggere QUI

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>