Questo articolo è stato letto 111 volte

Il principio di specialità nelle sanzioni ex l. 689/1981 in relazione ai centri di responsabilità

Articolo di Domenico Trombino

SUAP

Nell’opposizione a più sanzioni, aventi ad oggetto la vendita di bevande alcoliche in orario vietato, contestate con più verbali, per violazione dei limiti stabiliti dalla regolamentazione locale, posta a salvaguardia del centro storico – attraverso norme di tutela di interessi generali, fra i quali il decoro e la quiete, l’incolumità e la sicurezza pubbliche, a ciò legittimata da norma statale – nonché per violazione dei limiti posti da norma statale – posta a tutela della circolazione stradale – Tizio, quale obbligato in solido, invoca la ricorrenza del concorso (o conflitto) apparente di norme, quindi l’applicazione di una sola delle disposizioni sanzionatorie, ossia di quella statale, e ciò sebbene egli sia individuato anche come trasgressore nel verbale elevatogli per la violazione del regolamento comunale.

 

Continua la lettura dell’ARTICOLO

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>