Questo articolo è stato letto 79 volte

Musica d’intrattenimento – sala d’aspetto –  non va pagata la SIAE

La Corte di Casssazione, con la sentenza n.  2468 dell’8 febbraio 2016, ribadisce  ancora una volta, che per la diffusione sonora in un ambiente riservato a un ristretto numero di persone che si avvicendano nell’ascolto, come  ad esempio in  una sala d’attesa del dentista non bisogna chiedere l’autorizzazione alla Siae, né pagare il relativo dazio.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>