Questo articolo è stato letto 3 volte

Orari esercizi commerciali: è illegittima l’ordinanza reiterata di anticipazione di orario di chiusura (art.54 TUEL)

Il TAR Toscana con sentenza della Sez. II, 24 novembre 2010, n. 06600/2010 ha ritenuto illegittima un’ordinanza sindacale di anticipazione dell’orario di chiusura dell’esercizio anche se adottata per gravi situazioni (vendita di superacolici in notevoli quantità in orari serali in un’area particolarmente degradata).
“Attraverso la reiterazione di un provvedimento restrittivo della libertà di impresa di cui la ricorrente è titolare, il Comune finisce col regolare in maniera stabile e definitiva una situazione che viene definita, invece come straordinaria”. Il potere che deriva dall’art.54 del TUEL “deve, comunque, essere soggetto al principio di legalità e il suo utilizzo deve pertanto essere limitato ai casi di urgenza e necessità da valutare caso per caso attraverso criteri di ragionevolezza e proporzionalità, dovendo la contingibilità deve essere intesa come straordinarietà, accidentalità ed imprevedibilità della situazione su cui interviene l’ordinanza”.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>