Questo articolo è stato letto 13 volte

Ordinanza anti-accattonaggio

T.A.R. LOMBARDIA-BRESCIA, SEZ. II – Sentenza 18 luglio 2011, n. 1080

Sull’art. 54, comma 4, del D.lgs. 267/2000 si è di recente pronunciata la Corte Costituzionale, la quale ha stabilito che la suddetta norma, nel prevedere un potere di ordinanza non limitato ai casi contingibili e urgenti, viola la riserva di legge relativa di cui all’art. 23 Cost. (v. sentenza 7 aprile 2011 n. 115). In seguito a tale pronuncia l’ordinanza del Sindaco, con la quale il Comune vietava a tempo indeterminato qualsiasi forma di accattonaggio e di commercio abusivo molesto in ogni spazio pubblico o aperto al pubblico del territorio comunale, e in particolare nelle aree di interesse istituzionale e sociale (ossia nelle vicinanze di ospedale, tribunale, cimiteri, istituti scolastici, luoghi di culto, supermercati), è stata revocata. Ne consegue che è improcedibile, per sopravvenuto difetto di interesse, il ricorso proposto per l’annullamento della suddetta ordinanza.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>