Questo articolo è stato letto 6 volte

TAR Veneto: limiti all’insediamento di medie strutture di vendita

Nel caso di specie, la disposizione regolamentare oggetto di impugnativa non appare configurarsi come una regolazione dell’accesso al mercato connessa alle predette finalità, quanto piuttosto come una limitazione in senso assoluto all’accesso al mercato.
Ed infatti avere limitato in un comune, con popolazione superiore a 10.000 abitanti  – per il quale il limite dimensionale massimo fissato dal legislatore regionale è pari a mq. 2.500 -, il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita nelle zone territoriali omogenee D3 sino ad un massimo di 300 mq, implica secondo il giudice un’illegittima limitazione all’accesso al mercato per le medie strutture di vendita.
E allora se è vero che la deliberazione della Giunta regionale n.496/2005 attribuisce ai Comuni la facoltà, nell’ambito della propria autonomia programmatoria commerciale, di prevedere una disciplina maggiormente restrittiva nel rispetto dei criteri indicati dalla stessa, non appare revocabile in dubbio, secondo il giudice, che tale facoltà non può risolversi in una limitazione all’accesso al mercato di determinate strutture in violazione dei principi stabiliti dalle disposizioni statali e regionali.

>> T.A.R. Veneto sez.III 10/6/2009 n. 1707

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>