Questo articolo è stato letto 4 volte

Controlli nelle attività commerciali: circolare ministero del lavoro

Il D.L. 13 maggio 2011 n. 70 recante “Semestre Europeo – Prime disposizioni urgenti per l’economia”, convertito in legge, con modificazioni, dall’art. 1, comma 1, della L. 12 luglio 2011, n. 106, all’art. 7 ha stabilito alcune misure per ridurre il peso della burocrazia che grava sulle imprese e più in generale sui contribuenti stabilendo che,  a livello statale, le modalità e i termini idonei a garantire una concreta programmazione dei controlli in materia fiscale e contributiva devono essere stabiliti con decreto del Ministro dell’economia e delle finanze, di concerto con il Ministro del lavoro e delle politiche sociali da adottare entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto.
Con circolare n. 16/2011 il Ministero del lavoro ha precisato che l’esplicito rinvio ad un decreto “porta a ritenere non immediatamente applicabile, fino all’emanazione dello stesso provvedimento, la disciplina contenuta nell’art.7”.

Vedi anche la news 26/07/2011 – Controlli nelle attività commerciali: una proposta di programmazione

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *