Vendita di merce scaduta. L’orientamento ondivago della giurisprudenza

Articolo di Livio Boiero

Prima di affrontare il tema che ci siamo assegnati,  giova richiamare il significato normativo delle seguenti definizioni: “termine minimo di conservazione” “data di scadenza”.

A questo proposito,  l’art. 10 del D.lgs  n. 109/1992,  per  “Termine minimo di conservazione”,  si deve intendere  la data fino alla quale il prodotto alimentare conserva le sue proprietà specifiche in adeguate condizioni di conservazione.

Lo stesso  va indicato con la dicitura “da consumarsi preferibilmente entro“,  quando la data contiene l’indicazione del giorno,  o con l’avviso “da consumarsi preferibilmente entro la fine” negli altri casi, seguita dalla data oppure dalla indicazione del punto della confezione in cui essa figura.

>> Continua a leggere l’articolo sulla vendita di merce scaduta

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.