Questo articolo è stato letto 6 volte

C. Stato: acquistare una licenza per disporre una concentrazione non è subingresso

Acquistare una licenza per disporre una concentrazione non è subingresso
E’ quanto ha deciso il Consiglio di Stato, Sez. VI, con la sentenza n. 1894, depositata il 31 marzo scorso che ha accolto il ricorso presentato dalla Lidl Italia Srl contro la sanzione comminata dall’Autorità antitrust per mancata comunicazione dell’acquisto di 103 aziende. La veste giuridica utilizzata per tali acquisizioni, afferma la sentenza, è stata quella della cessione di azienda, ma in concreto non vi è mai stata cessione dell’intera azienda, né tanto meno dei locali, dove l’impresa precedente veniva condotta, ma solo di pochi beni di valore simbolico. Di fatto, le aziende e relative imprese sono rimaste nella disponibilità del cedente, che si è privato della sola licenza commerciale a suo tempo ottenuta ai sensi della l. n. 426/1971. (Fonte: www.marilisabombi.it)

>> Consiglio di Stato sez.VI 31/3/2009 n. 1894
Acquistare una licenza per disporre una concentrazione – non è subingresso

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>