Questo articolo è stato letto 4 volte

Marche: interventi di sostegno e promozione del commercio equo e solidale

Con la legge regionale n. 8/2008 riguardante “Interventi di sostegno e promozione del commercio equo e solidale”, la Regione Marche e’ la sesta in Italia a dotarsi di uno strumento a favore del commercio equo e solidale dopo la Toscana, che ha fatto da apripista nel febbraio 2005, il Friuli Venezia Giulia, l’Abruzzo, l’Umbria e la Liguria.
Con tale atto la Regione si propone di promuovere e sostenere il commercio equo e solidale, di darne una definizione chiara e di riconoscerne l’importanza del ruolo nella società, sia come importante realtà associativa e di volontariato, sia in quanto forma di cooperazione internazionale a favore dei paesi del sud del mondo.
A tal fine la Regione promuove e sostiene: lo sviluppo di una rete del commercio equo e solidale per favorire l’accesso al mercato da parte dei produttori svantaggiati appartenenti ai Paesi in via di sviluppo; forme di microcredito e di finanza etica; la diffusione dei prodotti del commercio equo e solidale anche fra gli enti locali e gli enti pubblici; le attività educative, di informazione e di sensibilizzazione sul tema.
Al fine di individuare i soggetti del commercio equo e solidale la Regione istituisce il registro regionale al quale possono iscriversi i soggetti senza scopo di lucro che svolgono attività stabilmente sul territorio regionale da almeno un anno ed il cui fatturato provenga per più del 50 % dalla vendita dei prodotti provenienti da tale attività. Per i soggetti che ne effettuano la vendita al dettaglio per almeno l’80 % del fatturato, inoltre, è riconosciuta la denominazione di “bottega del mondo”.
La Regione promuove e sostiene, infine, iniziative divulgative e di sensibilizzazione mirate a diffondere la realtà del commercio equo e solidale e ad accrescere nei consumatori la consapevolezza degli effetti delle proprie scelte di consumo; specifiche azioni educative nelle scuole finalizzate a conoscere le problematiche connesse alle implicazioni delle scelte di consumo; la giornata del commercio equo e solidale, quale momento di incontro e confronto fra questo genere di commercio e la comunità marchigiana; l’utilizzo dei prodotti del commercio equo e solidale nell’ambito delle attività dell’amministrazione regionale.

>> LR 29/4/2008, n. 8Interventi di sostegno e promozione del commercio equo e solidale (B.U.R. 30/4/2008, n. 44)

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>